Home > Articoli > La formazione passa anche dai volontari

(dal notiziario “W Ale Notizie” n°16, del 15 luglio 2014)

di Afra Fanizzi e Mauro Carlucci

Una giornata di formazione per i volontari all’insegna di nuovi progetti e nuove prospettive per affrontare il lavoro dei prossimi mesi. Questi alcuni degli argomenti sviluppati durante gli incontri dei volontari della Fondazione W Ale con la presidente Raffaella Restaino e il fundraiser Raffaele Picilli, il 21 giugno a Roma e il 1 luglio a Lavello (PZ).

Un incontro proficuo per il lavoro dei volontari che spesso devono rendersi conto di che tipo di comunicazione adoperare per far conoscere la Fondazione e che tipo di informazioni è bene dare durante gli appuntamenti di W Ale. Il fundraiser Piccilli ha individuato e spiegato alcune strategie necessarie per chi offre il suo tempo libero alla Fondazione, sottolineando come sia importante riflettere sempre sulle cose da fare e come anche il volontario debba essere preparato e competente. Cosa si è fatto e cosa si deve ancora fare: questi i due capi della discussione che ha avuto anche un momento conviviale durante il pranzo, ma che è stato il modo migliore per confrontarsi e per iniziare a ragionare su come festeggiare i primi cinque anni di vita della Fondazione. Una onlus giovane, W Ale, che però ha già fatto molti passi importanti: dal progetto “Il calore di un sorriso” rivolto alle scuole medie superiori al servizio taxi per i disabili; dalle Stanze di Ale alla formazione per i medici e i pediatri. È stata delineata l’importanza dei social network (Facebook, Twitter) che devono però passare attraverso un uso razionale e una calendarizzazione, necessari per far conoscere le iniziative della Fondazione e per posizionarla nel mare magnum delle onlus. Un primo punto sul lavoro da fare prima dell’estate in attesa di un autunno carico di novità per la Fondazione.

 

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com